JOVA.TV, la tele-musi-visione firmata Jovanotti [ON AIR]

Jova

sorrisi.com

Dice che era nell’aria già da un po’, come il rock’n roll quando hanno inventato gli amplificatori Marshall. Concerti, materiale inedito, esperimenti, viaggi, storie e tanto spazio per i video dei fan ma soprattutto per i video dei baby registi e videomaker. Tutto questo prende il nome di Jova.tv ed è una finestra sul mondo di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti. Che poi alla fine è anche un po’ il nostro mondo. Perché quando si tratta della sua musica il termine che meglio si addice è universale.

Ricordo ancora le mille sensazioni provate a San Siro, in occasione del suo Lorenzo Negli Stadi Tour. Quasi un anno e mezzo fa eppure sembra ieri. Tutto era così vivido, colorato, spensierato che più che di un concerto ci sentivamo ospiti di un grande party senza selezione all’entrata. 500 m² di schermo, il discorso sui puntini, le luci stroboscopiche. Insomma, se non c’eravate, il resoconto completo lo trovate QUI. E anche QUI e QUI. Perché, come vale per Roma, ogni QUI porta a Jovanotti.

Se poi le parole non bastano potete (ri)vivere l’intera serata proprio grazie a Jova.tv: una delle rubriche principali è infatti quella dedicata al suo ultimo tour LIVE. Non serve nemmeno cliccare sulla modalità schermo intero perché a quello ci ha già pensato Lorenzo. Giuro che una di queste sere lo faccio. Mi prendo un paio d’ore per me e mi ributto a capofitto in quelle due ore coloratissime. 


Giusto per farvi un riassunto, ecco cosa vi aspetta all’interno di Jova.tv:

SHOWS

A loro volta suddivisi in:

SUDAMERICA

Jova.tv

Per seguire le sue peripezie tra Santiago del Cile, Montevideo, Buenos Aires e Bogotà in occasione del Super-Sur-Tour conclusosi lo scorso 5 aprile.

JOVAREVIEW

Jova.tv

Innegabilmente la mia rubrica preferita. Qui Lorenzo recensisce libri, film, dischi e qualsiasi altra cosa gli passi per la testa.

SPARRING PARTNERS

Jova.tv

Un botta e risposta tra amici, così gli piace definirlo. Primo ospite d’eccezione: il grande Roberto Saviano.

VIDEOCLIP

Jova.tv

Si spiega da sé. Dai classici (come Ciao Mamma e L’Ombelico del Mondo) ai più recenti (come Ora e Tensione Evolutiva).

LIVE

Jova.tv

Se volete proprio il pacchetto completo appena finite di guardare il concerto correte a leggere la mia recensione e lasciatemi un commento per farmi sapere se siete riusciti a quantificare le emozioni suscitate da quel medley infinito.

Ovviamente (ma non dovrei nemmeno ricordarvelo) il consiglio è di andarvelo a vedere/sentire dal vivo la prossima volta che vi capita. Perché come dice lui: quello è come fare l’amore, non c’è verso di sostituirlo grazie al cielo!

YOUJOVA

Jova.tv

La sezione più interattiva dove i fan diventano protagonisti. Può trattarsi di una Serenata Rap cantata alla finestra o di una buonanotte sulle note di Chissà Se Stai Dormendo: se ci siete voi e una canzone di Lorenzo qui potete lasciare il vostro segno.


Last but not least, direttamente sul sito c’è la possibilità di iscriversi alla newsletter per restare sempre aggiornati sulle ultime novità. Se poi la mail fa troppo old school potete seguire Jova.tv anche sulle sue pagine social: YouTube, Facebook, Twitter e Instagram. Uh! Naturalmente l’hashtag ufficiale è #jovatv.

Pare che le promesse siano due: ogni giorno contenuti nuovi (grazie agli archivi della Universal e all’aiuto di YouTube e piattaforme simili) + un’app dedicata che dovrebbe uscire a breve.

L’ennesima sfida per Jovanotti. Sempre che di sfida si tratti. Perché, chissà come fa, ma ogni cosa che tocca non solo diventa oro, argento, verde, rosso e giallo insieme ma ha sempre le sembianze di un bellissimo, divertentissimo gioco. Una giostra su cui ridere ridere ridere e da cui non vorresti scendere mai.

Annunci

Jovanotti a Milano: Il Grande Party di San Siro [RECENSIONE]

Jovanotti

jovanotti.it

Geniale. Geniale è la parola che mi viene da associare a Lorenzo. Un marasma di colori, allegria, buonumore. Così tanta spensieratezza che riesci a goderti anche i brani più intimi e malinconici con altrettanta attesa. Penso che se l’arcobaleno potesse prender vita finirebbe per chiamarsi Jovanotti – con tutte le sue sfumature, i suoi passaggi cromatici, la sua rivoluzione pacifica.

Assistere ad un suo concerto sarebbe grandioso, pensavo fino a ieri pomeriggio. Ma assistere ad un suo concerto in uno stadio va oltre a tutto ciò che mi sarei potuta immaginare.

500 m² di schermo sapientemente utilizzato per diventare parte integrante dello show: i video proposti e gli effetti utilizzati calzavano a pennello con la scaletta proposta. Un viaggio dentro la testa di Lorenzo, per proporci le sue perle dalla sua prospettiva. Perché Lorenzo ci tiene a farci sapere cosa passa per la sua testa, come vive le sue stesse canzoni, cosa si immagina quando scrive un pezzo, quando di notte un ritornello fa capolino così, per caso.

Un’esperienza a 360°, una corsa adrenalinica sulle montagne russe, di quelle che ti sballottolano così tanto che tutto quello che puoi fare è ridere, ridere, ridere e pensare a quanto bella sia la vita. Bambini, anziani, famiglie intere: una grande festa senza selezione all’entrata. O forse sì: si accettano solo spettatori che pensano positivo – o che perlomeno vogliono provarci, nonostante tutto.

Dopo gli Opening Act (Il Cile, Tre Allegri Ragazzi Morti, Pink is Punk), Lorenzo non si fa aspettare: alle 9.02, in puro Django style, fa la sua entrata di rosso-giallo-blu vestito. Milano è alle sue spalle e gode ancora degli ultimi momenti di luce. L’accoppiata Tramonto + Jova non fa una piega: una libidine – come avrebbe detto lui qualche anno fa. Ed è proprio con Ciao Mamma che si regala alla folla in visibilio, facendo seguire Megamix, Mix, Gimme Five e Non M’Annoio. Lorenzo parte dal principio prendendoci per mano e facendoci fare un salto pazzesco fino ai giorni nostri, uno di quei salti che ti facevano fare da bambino, quando ti trovavi in mezzo a due adulti che per farti salire sul marciapiede ti sollevavano tenendoti per mano e a te sembrava di aver fatto il salto più incredibile del mondo.

Jovanotti

facebook.com/lorenzo.jovanotti.cherubini

Con un balzo si arriva quindi a Tensione Evolutiva, in un gioco di luci ed effetti incredibile. Safari mi rapisce il cuore e mi accorgo di essere ormai stata risucchiata nel vortice Jovanotti e di non volerne uscire tanto facilmente. Con il blocco Mezzogiorno, La Mia Moto, Serenata Rap e Questa è la Mia Casa la giostra continua in senso antiorario, facendoci sorridere mentre pensiamo a quanto sia cresciuto quel ragazzotto che a fine anni ’80 impazzava nelle radio con in testa un cappellino storto e centomila pazze idee da coltivare. Con Mi Fido Di Te Lorenzo guarda al cielo e mi ritrovo con quel magone in gola che non sai se tenere lì o lasciare esplodere. La sua emozione è la nostra. Lorenzo riesce a parlare ai cuori, ne è consapevole ma non ne approfitta mai. Ci saluta mentre la canzone si conclude e torna con un cambio d’abito per regalarci Gente della Notte e Piove, mentre il cielo di Milano decide di regalargli una leggera pioggerellina, quasi fosse un effetto scenico voluto e previsto. Come faccia il Jova a mettere d’accordo l’intero universo non è dato sapere.

Si torna al presente con Tutto L’Amore Che Ho, La Notte dei Desideri e Ti Porto Via Con Me che tutto lo stadio balla senza pensare al domani, perché in fondo abbiamo sempre la speranza di poter ribaltare il mondo, un-giorno-chissà. Lorenzo ci racconta un piccolo aneddoto di lui bambino, di quando in famiglia si comprava La Settimana Enigmistica e lui tralasciava le parole crociate, i rebus e gli indovinelli per l’unica cosa che gli interessasse davvero: unire i puntini. Dall’1 al 30 per formare un’astronave, una giraffa, un uomo con la tavola da surf. E quando scopre Internet ascolta il discorso di Steve Jobs fatto alla Standford University (“The first story is about connecting the dots..“) e pensa che pensarla come lui sia un pensiero fantastico. Nella vita però può capitare che qualche puntino resti fuori, che non sia possibile collegarli tutti con precisione, facendo sempre quadrare tutto, facendo in modo che tutto sia perfetto. E allora Lorenzo ci confida che un po’ gli dispiace per quel 49 che rimane fuori, per quel 16 che si è perso per strada. Ma che, nonostante tutto, siamo qui e questo è ciò che importa. Ce lo ricorda intonando Ora, una poesia che ha la capacità di far riflettere, sorridere e piangere in soli 4 minuti.

Jovanotti

@IZ2SWM

E poi in ogni concerto arriva “quel momento”, quella canzone che ti muove qualche strana corda che non sai spiegare, che non sei in grado di comprendere totalmente, quella canzone che senti tua e basta. Il mio momento arriva con Le Tasche Piene di Sassi, che ogni volta che l’ascolto qualche lacrima scende e mi coccola e io semplicemente non so spiegare perché. Con gli occhi appannati riesco a godermi anche Terra Degli Uomini, un altro di quei tesori preziosi che brillano di luce propria. Ci si asciuga le guance tornando a ballare con Tanto, Io Danzo, Muoviti Muoviti e Una Tribù Che Balla dove uno-cento-mille Jovanotti si muovono a ritmo sul grande schermo, come a voler simulare tutti noi che siamo lì per spazzar via dalle spalle qualche pensiero di troppo, di quelli che fanno una gran polvere.

Con il blocco Bella, Raggio Di Sole, Baciami Ancora e A Te si canta a memoria e ci si sente più leggeri, mentre Lorenzo manda un saluto alla moglie e alla figlia presenti in sala. In dirittura di arrivo, il viaggio prosegue con Il Più Grande Spettacolo Dopo il Big Bang e la bomba ad orologeria: L’Ombelico del Mondo che vede Lorenzo al centro del palco (a forma di piovra, che circonda tutto il prato di San Siro) dare inizio alle danze con un grande tamburo colorato. Come abbia fatto questo pezzo a non stancarmi mai – correva l’anno 1995, non riesco proprio a spiegarmelo.

È con Ragazzo Fortunato e Penso Positivo che il concerto si conclude, fermo lì in un punto lontano, ancorato al passato, quasi a volerci dimostrare una volta per tutte che lui è sempre il Peter Pan di allora. Perché per conservare dentro l’anima tutta quell’energia, tutta quella creatività, il segreto è uno solo: bisogna sempre restare un po’ bambini. Perché è la vita che ci fotte, sono le responsabilità, gli impegni. Bisogna maturare ma restare sempre un po’ lì, come in un limbo da cui non puoi uscire perché qualcuno, chissà chi, ha buttato via la chiave.

Jovanotti

@ignaziodilauro

La pioggia alla fine non ha avuto la meglio e anche se l’avesse avuta l’avremmo benedetta. Perché ci sono quei momenti in cui il chissenefrega vince su tutto, quei momenti in cui vuoi goderti l’istante e svuotare la mente. Quei momenti in cui sei felice di esserci e sia come sia.

Perché come la poesia di Charles Bukowski pubblicata da Lorenzo qualche giorno fa sulla sua pagina Facebook: “Non puoi sconfiggere la morte, ma puoi sconfiggere la morte in vita, qualche volta.

Ora lo so..

Se l’arcobaleno potesse prender vita, finirebbe per chiamarsi Jovanotti.

Jovanotti

@fantasie84

SCALETTA:

Ciao Mamma
Megamix
Mix
Gimme Five
Non M’Annoio
Tensione Evolutiva
Safari
Mezzogiorno
La Mia Moto
Serenata Rap
Questa è la Mia Casa
Mi Fido Di Te
Gente della Notte
Piove
Tutto L’Amore Che Ho
La Notte dei Desideri
Ti Porto Via Con Me
Ora
Le Tasche Piene di Sassi
Terra degli Uomini
Tanto
Io Danzo
Muoviti Muoviti
Una Tribù che Balla
Bella
Raggio di Sole
Baciami Ancora
A Te
Il Più Grande Spettacolo Dopo il Big Bang
L’Ombelico del Mondo
Ragazzo Fortunato
Penso Positivo

Ti potrebbe interessare anche:
Il Cile LIVE @ Alcatraz: cronaca di un concerto senza inutili coloranti [RECENSIONE]
Il Cile LIVE @ Carroponte Festival: “Il coraggio va sempre premiato” [RECENSIONE]

Back In The Days: Le Foto dei Cantanti da Piccoli

Quanti di voi vorrebbero tornare bambini, anche solo per un giorno, un’ora, un istante? Col senno di poi potrebbe essere divertente, giusto per un po’. La purezza, la genuinità, la meraviglia dell’essere piccoli è risaputo che va perdendosi quando nelle nostre vite arrivano società, relazioni e responsabilità da gestire. Ci ritroviamo ad indossare maschere, a non gioire così spesso delle piccole cose che la vita ci regala. La via di casa che prima ci appariva un’immensa autostrada ora ci appare monotona, il tramonto davanti a cui ci fermavamo a sognare ora diventa l’inevitabile chiusura delle nostre giornate. Ma rimanere un po’ bimbi è l’unico modo per vivere col sorriso sul volto, più sereni, anche un pochino più menefreghisti, cacciando via preoccupazioni – a volte inutili, sensi di colpa e paranoie.

Credete che al vostro IO di oggi piacerebbe il vostro IO di allora? Pensate che potrebbero andare d’accordo, piacersi, se dovessero incontrarsi per strada? Se vi trovate davanti ad una vecchia fotografia, la somiglianza è forte o vi riconoscete appena?

Girovagando sulla Rete, ho pensato che potesse essere divertente andare a scovare le foto dei cantanti in versione baby! Su alcune mi sono fatta una grassa risata nel constatare che sono praticamente rimasti identici, su altre mi sono persa a capire cosa fosse cambiato con il passare del tempo. Date un’occhiata e fatemi sapere che ne pensate!

E, dopo averci scherzato un po’ su, mi piacerebbe che vi soffermaste anche su un problema riguardante l’infanzia piuttosto sottovalutato.

In Italia 1 bambino su 4 oggi è a rischio povertà. Per questo motivo vi suggerisco di aderire alla campagna “Ricordiamoci dell’infanzia e aiutare Save the Children a chiedere al Governo di intervenire subito. Potete aderire all’appello e caricare una vostra foto di quand’eravate bambini.

Non vogliamo un Paese dove un bambino con un genitore non diplomato abbia solo 1 probabilità su 10 di laurearsi né accettiamo che una giovane donna debba scegliere se diventare mamma o mantenere il lavoro.

E allora ripensiamo all’autostrada di casa o al tramonto che ci faceva tanto sognare e ricordiamocidellinfanzia.it :)

antiwarsongs.org

•••

Se hai apprezzato questo articolo ti potrebbe interessare anche:
Le 100 canzoni più belle (leggi vendute) di sempre | 100 best songs ever
Le copertine degli album che hanno fatto la storia (in versione minimal)