Amsterdam LIVE (Part 1): 15 momenti imperdibili dai concerti di Drake, The Weeknd e Bastille

Drake, The Weekend, Bastille

Foto: tumblr.com – weheartit.com

Potrei iniziare questo post piangendomi addosso per l’immenso ritardo con cui pubblico questo mash-up di recensioni ma voglio adottare una winning attitude e dire meglio tardi che mai fosse solo perché sto sorseggiando un cappuccino XL mentre la città dei mulini si sveglia con gli occhi bistratti e stropicciati.

Dando per scontato il vostro perdono, eccomi qui pronta a ripercorrere gli ultimi concerti che mi hanno vista protagonista (tra il pubblico) nel mese di marzo 2014 – il mese pazzo per eccellenza, quello dei cambiamenti, della primavera, del mare in tempesta dove la musica sembra uno dei pochi scogli a cui aggrapparsi.

Pare sia stato un mese ricco di performance tutte al maschile: la prima settimana Drake con la partecipazione di The Weeknd allo Ziggo Dome, la seconda i Bastille all’Heineken Music Hall e l’ultima i Boyce Avenue al Paradiso (raccontati nella seconda parte del post che, mea culpa, è ancora tra le bozze di questo blog). Unico rimpianto: essermi persa quello dei tre re dell’R&B ovvero Tyrese, Ginuwine & Tank. Ma, giusto perché sono in vena di proverbi, non si può avere tutto dalla vita. Anche se lo trovo estremamente ingiusto.

Ad ogni modo, qui sotto trovate recensioni, foto e video per (ri)vivere con me gli highlight delle serate – un modo per mettere nero su bianco i ricordi ed essere sicura di non dimenticarli.


DRAKE (feat. THE WEEKND)

5 MARZO 2014 @ ZIGGO DOME

#1. LA SELFIE PER BENEDIRE IL CONCERTO

Ovvero, la #DrizzyCrew in tutto il suo splendore. Un ringraziamento particolare a Ciccio, Byro e Lauretta per essere stati i miei compagni di avventura.

Drizzy Crew

#2. L’APERTURA OMG DI THE WEEKND

Per chi non lo conoscesse, cantante R&B canadese con due album all’attivo portato al successo grazie al suo innegabile talento e alla sua amicizia con Drake. La voce di The Weeknd sarebbe in grado di far sciogliere chiunque – sulle note più alte mi ricorda il grandissimo Michael Jackson, con quel timbro maschile ma non troppo, un timbro magnetico che destabilizza e affascina al tempo stesso. Sensualità a livello puro in ogni sua canzone – la più conosciuta è Wicked Games, anthem del fedifrago DOC.

#3. LINGRESSO DI DRAKE

Per chi non lo conoscesse, rapper canadese in cima alle classifiche di tutto il mondo, noto alle cronache rosa per il triangolo amoroso Rihanna/Chris Brown/Drake (a proposito, la signorina era tra il pubblico). Sulle note di Headlines, l’ombra di Drake viene riflessa su un telo che continua a cambiare colore. Minimalista ma ad effetto.

Drake @ Ziggo Dome

Foto: Roberta Cari

#4. IL MOMENTO IT’S GETTING HOT IN HERE 

Ovvero il duetto con The Weeknd su Crew Love. Uno dei miei momenti preferiti dell’intera serata – il compromesso perfetto, la miscela perfetta. Nessun istituto di ricerca sui comportamenti sessuali sarebbe stato in grado di contare i feromoni sprigionati nell’aria in quei 5 minuti.

#5. IL MOMENTO OMMIODDIO-DRAKE-HA-GUARDATO-PROPRIO-ME

I cantanti più furbetti lo fanno sempre: all’interno del concerto trovano sempre un momento per rafforzare il loro rapporto con i fan e lo fanno nei modi più disparati. Quello di Drake dura almeno mezz’ora e lo vede su una piattaforma posta sopra le nostre teste che, muovendosi, riesce a raggiungere praticamente tutte le 18.000 anime presenti allo Ziggo Dome. Più facile da vedere che da spiegare (e per questo si ringrazia chi ha inventato l’arte della fotografia). Non solo, ma pare che Drake abbia una vista da falco dato che è capace di improvvisare freestyle descrivendo le persone che si trova di fronte: Hey tu con la maglietta blu e le scarpe luccicanti e i capelli rossi con la frangia di lato, ti vedo.. – Ma dai? Insomma, gran bella cosa Drake – soprattutto il momento accendini (aka cellulari), però potevi far durare il tutto 10 minuti, ti avremmo voluto bene lo stesso.

Drake @ Ziggo Dome

Drake @ Ziggo Dome

Foto: Roberta Cari

#6. IL MOMENTO CHI E’ QUELLA STR**** SUL PALCO?

Perché quello è il momento bipolare per eccellenza. Fanno salire sul palco una fan che sta lì imbambolata a guardare a meno di 1 metro di distanza le labbra del cantante in questione che, per l’occasione, le sta dedicando la canzone più piaciona del suo ultimo album (ndr: Hold On, We’re Going Home). Tu che invece sei tra il pubblico da buona sfigata non sai se immedesimarti e mettere alla prova i tuoi sovracuti urlando woohoo per 10 secondi di fila OPPURE invidiarla e ripassare la lista delle parolacce che con tanta devozione hai imparato durante le tue sessioni di “fammi chiedere agli amici come si dice in inglese…”. Appena però realizzi che la fortunella indossa una t-shirt con su scritto H.O.E. e Drake le sta cantando ‘cause you’re a good girl and you know it decidi di mettere alla prova i tuoi muscoli facciali e scoppiare a ridere come se non ci fosse un domani.

#7. L’USCITA DI DRAKE

Impossibile non finire con Started from the Bottom. L’intera venue è in visibilio tra coriandoli, fuochi d’artificio, luci psichedeliche e applausi ad oltranza. Si torna a casa ampiamente soddisfatti: ebbravo Drake.

Drake @ Ziggo Dome

Foto: Roberta Cari

Drake @ Ziggo Dome

Foto: Roberta Cari

Drake @ Ziggo Dome

Foto: Roberta Cari


BASTILLE

12 MARZO 2014 @ HEINEKEN MUSIC HALL

#8. MERRY XMAS!

Ovvero quando ricevi dal tuo moroso il biglietto del concerto come regalo di Natale – dopo avergli fatto una testa tanto ascoltando l’intero album dei Bastille per tre volte di seguito nell’arco di un solo pomeriggio. Perché i Bastille sono uno di quei gruppi di cui ti innamori perdutamente e soprattutto all’improvviso senza una particolare spiegazione e che, diventando l’infatuazione del momento, si tramutano in droga musicale che DEVI ascoltare per ritrovare il buonumore. Ho conosciuto la loro musica i primi di dicembre e al concerto ero in grado di cantare a memoria ogni loro canzone. Questa sì che è devozione!

Bastille @ HMH

#9. IL MOMENTO SPERIAMO CHE VI PIACCIA

Ok, questo è il momento in cui il pubblico si divide a metà: c’è chi scalpita perché ha a disposizione una canzone nuova di zecca con cui provare ad immedesimarsi e chi invece sbuffa perché non sa le parole e non ha voglia di concentrarsi per quell’arco di tempo cercando di adattarsi ad una melodia sconosciuta e a lyrics mai sentite prima. Io in quel caso rientro nel primo gruppo e mi innamoro all’istante di Blame che, per l’occasione, viene accompagnata da luci spettacolari che sembrano muovere Dan Smith, il leader del gruppo, su prospettive e altezze diverse a ritmo di batteria.

#10. IL MOMENTO KLEENEX

Speriamo vi stiate divertendo e ci scusiamo in anticipo se questa sarà la canzone più deprimente dell’intero concerto: è così che viene introdotta Oblivion, una delle mie canzoni preferite di Bad Blood. Modestia a parte, si tratta di una canzone potentissima a livello di testo e atmosfera, ancora di più se si ha la fortuna di ascoltarla live. Mi perdo nel tunnel di luci e sensazioni mentre scavo nella borsa alla ricerca di fazzoletti 100% resistenti.

#11. IL MOMENTO DELLA VERITA’

Ed ora canteremo These Streets, la canzone che ho più a cuore dell’intero album. E improvvisamente ritorni 15enne gongolandoti del fatto che il leader del gruppo ha appena confessato la sua canzone preferita e da quel giorno, ogni volta che la ascolterai, non sarà più la stessa. DAN TV1MDB.

Bastille @ HMH

Foto: nufoto.nl

#12. IL MOMENTO CHE ASPETTAVI

Ovvero quello della canzone che ti gasa più di tutte, quella che più di tutte sprigiona ossitocina e ti fa raggiungere lo stadio supremo del benessere. Per me ha il nome di Things We Lost In The Fire e ha la capacità di far scatenare la mia immaginazione a più non posso ogni volta che l’ascolto. Ovviamente questo è anche il momento multitasking per eccellenza dove devi tenere a bada il tuo entusiasmo per ricordarti di schiacciare Record sul cellulare. Mica semplice.

#13. LE CANZONI TROPPO CORTE vs LA COCCOLOSITA’ DI DAN

Quando ascolti l’album non ci fai caso ma durante il concerto, quando solitamente si dà spazio alla rivisitazione e all’allungamento di alcuni brani, le canzoni dei Bastille risultano davvero troppo corte. 3 minuti scarsi a canzone e il concerto sembra volare. Forse nessuno gliel’ha mai fatto presente, forse è il loro primo vero tour e si potrebbe chiudere un occhio (o un orecchio) ma alla decima canzone ti sembra di averne ascoltate solo tre e vuoi protestare perché non è giusto che le cose belle durino così poco. A compensare questa mancanza ci pensa però l’infinita dolcezza di Dan – credo che non ci sia persona più umile e modesta di questo ragazzo all’interno del mondo musicale. Anche nelle interviste che rilascia a radio e giornali non fa altro che sottolineare il suo essere ordinario. Ricordo una sua frase quando gli venne chiesta la sua opinione sulla canzone Flaws e la sua risposta fu: Everything about me is a flaw (Tutto ciò che mi riguarda è un difetto). Roba che vorresti abbracciarlo a mo’ di teddy bear e non lasciarlo più. Tornando al concerto, questo suo lato era assolutamente visibile anche sul palco. Nonostante si sia scatenato come un pazzo ci siamo sentiti dire I am a terrible dancer e alla fine di ogni canzone Thank you so much veniva ripetuto almeno 4 volte di fila. Insomma, il mio livello di glucosio nel sangue non è mai stato così alto.

Bastille @ HMH

Foto: wenn.com

#14. L’ACCENTO SUPER BRITISH DI DAN

FANK YOU SO MUCH lo dico io ogni volta che apre bocca.

#15. LA PREVEDIBILITA’ DEL GRAN FINALE (CON PERDONO)

Insomma, già lo sai che Pompeii sarà l’ultima canzone in scaletta – a mio parere la canzone più bruttina (e sopravvalutata) di Bad Blood. Quindi non è che la aspettassi impaziente come il punto 12). Nonostante tutto, Dan & co. hanno saputo mediare iniziando con Of The Night, mash-up di due stra-famosissime canzoni dance anni ’90 – Rhythm is a Dancer degli Snap! e The Rhythm of the Night di Corona, facendo saltare il pubblico sul ritornello.

E visto che il nome alla francese me lo permette: CHAPEAU. Ma di quelli grandi e imprevedibili alla Pharrell se no non vale.

 (To be continued..)

Annunci

Macklemore e Ryan Lewis: The Heist Tour LIVE @ Heineken Music Hall [RECENSIONE]

Macklemore & Ryan Lewis

metrojolt.com

Ci sono giorni in cui tutto ciò di cui hai bisogno è una sferzata di energia. Per ricominciare, per ricaricare le batterie e sentirti viva, ancora una volta. Ci sono poi concerti in cui tutto ciò di cui hai bisogno è un biglietto, soprattutto se il concerto in questione è sold out da mesi. Perché non vorresti perderti quello spettacolo per nulla al mondo. E infine ci sono paragrafi nel tuo blog in cui ti ritrovi a parlare prima dell’effetto e poi della causa. Perché ti piace essere alternativa e farti chiamare Airali.

Inutile girarci intorno: Macklemore è tanta roba. Tra un biglietto inviato per posta e mai arrivato e un altro inviato via mail e stampato il giorno stesso, alla fine sono riuscita ad andare a vederlo live martedì 8 ottobre 2013 in quel di Amsterdam e più precisamente all’Heineken Music Hall, accanto alla Bijlmer ArenA, stadio ufficiale dell’Ajax.

Non so se siete stati attenti ma mi sembra giusto ripeterlo.
SOLD OUT. Da mesi. In tutta Europa.

Macklemore & Ryan Lewis

Insomma, un motivo dovrà pur esserci. Io penso che dopo anni di hip-hop ignorante che propina beat e lyrics a suon di money-sex-and-bitches (per carità, ognuno di noi ha ogni tanto quella parentesi da twerk selvaggio a mo’ di Miley Cyrus) ci siamo un po’ stufati di tutta questa superficialità. Anche Macklemore all’interno di The Heist, il suo ultimo lavoro, ha un paio di canzoni facilotte, con ritornello orecchiabile e rime baciate. Ma la cosa più bella è che vengono oscurate dalle canzoni impegnate – e senza nemmeno troppa fatica.

Un artista indipendente che lotta per anni. Per la musica. Per combattere (e vincere, ormai anni fa) la sua dipendenza da alcol e droghe. Per coronare il suo sogno e abitare il palco. Per intonare le sue battaglie ed essere di ispirazione per qualcun altro. Poco importa se sono 200 o 20.000 persone. L’importante è fare musica: per lavoro, per passione, per non capire dove comincia uno e finisce l’altra.

Macklemore & Ryan Lewis

Alle 19.30 sono già lì, convinta che il concerto cominci alle 20 – strane regole da concerto olandese, penso tra me e me. Mi gusto un’ottima performance dei Majors, crew di danza di altissimo livello. Non contenta della mia posizione o più semplicemente del mio metro e 68 che dietro agli olandesi volanti non mi permette di avere una buona visuale, decido di curiosare in galleria e da lì trovo posto per assistere all’esibizione dell’opening act: My name is Chance, The Rapper. I’m from Chicago, Illinois. Questo continuerà a ripetere tra una canzone e l’altra. Un artista bizzarro, particolare. Un misto tra Lupe Fiasco, Kid Cudi e Charlie Chaplin. Decido che mi piace – eccezion fatta per la scelta di chiudere con Harlem Shake, nota stonata. Le luci si riaccendono e c’è ancora mezz’ora di tempo prima che Macklemore faccia il suo ingresso sul palco.

30 minuti infiniti di agonia – rotta (finalmente!) dalle note di BomBom, unica traccia strumentale del nuovo album e, devo ammettere, una delle mie preferite perché mi permette di creare nella mia mente storie sempre diverse ogni volta che l’ascolto. Sulle ultime note eccolo apparire con una giacca sberluccicosa (It’s Michael Jackson’s jacket! Ok, take out Michael Jackson. It’s a jacket!) seminascosto da fuochi d’artificio ed effetti scenici degni dei più grandi artisti internazionali. Insieme ai musicisti (fiati e viole inclusi) e al fidato socio/dj/produttore Ryan Lewis si sale sulla giostra.

Macklemore & Ryan Lewis

cavemanarson.com

Ecco che parte Ten Thousand Hours, canzone apripista di The Heist, che parla di tutte le ore spese a far musica, ripagate poi dall’affetto incondizionato dei fan. Da lì un susseguirsi di luci, emozioni, suoni e lyrics di grande spessore tra cui Starting Over e Wing$ (un vero e proprio omaggio a Michael Jordan).

Macklemore & Ryan Lewis

I singoli di successo non tardano ad arrivare. Il primo è anticipato da una simpatica storiella probabilmente fittizia sull’arrivo di Macklemore in quel di Amsterdam con tanto di pedalata in bicicletta, bagno nei canali, i suoi vestiti rubati dai passanti e una vecchia signora che lo prende in spalla per portarlo nientepopòdimenoche al Thrift Shop, ovvero il negozio di seconda mano. Poco dopo è tempo di Same Love, un inno all’amore in tutte le sue forme, assolutamente a favore dei matrimoni gay. Mi sarebbe piaciuto ascoltare live anche la bravissima Mary Lambert che ha prestato la sua voce al ritornello, leggermente rimodellato rispetto alla sua (meno conosciuta) She Keeps Me Warm ma mi sono dovuta accontentare della registrazione. La folla (e la sottoscritta) va letteralmente in visibilio sulle primissime note di Can’t Hold Us (ci sarà spazio anche per un bis a fine show): ancora non mi so spiegare come quella canzone riesca a gasarmi così tanto e a non stancarmi mai.

C’è spazio anche per i pezzi meno impegnati come White Walls (e l’outfit da cowboy davvero impagabile) e la meno recente (e qui lo ammetto, piuttosto trash) And We Danced. Nel mezzo tanto spazio per pezzi meno conosciuti – tra cui il suo primissimo pezzo, scritto in 20 minuti, che ci propone acapella, e soprattutto grandi discorsi: a Macklemore piace dialogare con il suo pubblico. Del suo amore per la musica, della sua gavetta, della sua dipendenza ormai sconfitta, dei sogni che uno ha quando inizia a far musica nel garage di casa per poi ritrovarsi sulla bocca di tutti grazie al passaparola della gente. Perché così è avvenuto per la musica di Ben Haggerty, in arte Macklemore. Non sono state le case discografiche a farlo emergere grazie a business plan freddi e venali ma è stato il riconoscimento da parte del pubblico nel ritrovarsi di fronte un artista fatto e finito e semplicemente non ancora famoso. La voglia di condividere quella determinata canzone con i propri amici o colleghi, la smorfia di apprezzamento nel constatare che anche a mamma e papà questo tizio che vuole fare rap non dispiace perché parla di cose serie: tutto questo e molto altro è Macklemore.

Macklemore & Ryan Lewis

Uno dei concerti più adrenalinici a cui ho assistito ultimamente con tanto di stage diving, effetti speciali e tanta, tanta energia. Uno di quegli artisti che moriresti dalla voglia di conoscere perché sei sicura che ti farebbe divertire come pochi. 

E sapere che la scorsa notte è salito anche sul palco milanese del Forum di Assago mi rende ancora più orgogliosa. Sono sicura che anche in quel di Milano avete fatto la vostra bella figura in quanto a calore e coinvolgimento!

Insomma, caro Mack.. alla fine ce l’ho fatta. 1 a 0 per me, palla al centro. Sono riuscita a prender parte al tuo grande, grandissimo show. Sono salita sulla giostra e sono scesa con dieci, cento, mille idee in testa. La più grande di tutte? Tornare a far musica che, per cause di forza maggiore, in questo periodo ho un po’ accantonato.

E ora sì che tutto torna: causa-effetto rimessi al proprio posto. Concerto magnifico-Voglia di provarlo sulla mia pelle, anche se ovviamente in scala estremamente ridotta. E se tu hai questo potere di sedurre la mente solo grazie alla forza della tua musica e delle tue parole, beh, ce l’hai fatta anche tu amico. 1 pari, mi arrendo. Ma nessuno vince: è uno scambio, è un give-take, è bidirezionale, come hai tenuto a ricordare tu su quel palco. Perché di seconda mano la tua musica ha poco e niente.

Finalmente un artista originale, come non se ne sentivano da un po’. Finalmente un Rapper con la R maiuscola, di quelli che ascolti a tutto volume mentre pedali a mille e se ti sfugge qualche parola non vedi l’ora di cercare le lyrics su Google per completare il quadro.

Finalmente un poeta moderno che impara dagli errori del passato e li trasforma in parole e poi in musica e poi in concerti da 10.000 persone. E infine in ispirazione. E in futili case discografiche che si disperano per non averci pensato prima.

Macklemore & Ryan Lewis

•••

Macklemore & Ryan Lewis
Video Playlist (LIVE @ HMH, Amsterdam)

Thrift Shop
Same Love
Can’t Hold Us

Macklemore & Ryan Lewis – Scalper Calls

Macklemore & Ryan Lewis – Fall Tour Docu Series: Episode 01