Oltre le Nuvole: The Music Portrait intervista La Differenza

facebook.com/ladifferenza

Prendete 5 ragazzi alla mano, con mille sogni nel cassetto e la voglia di confrontarsi musicalmente ed umanamente con mondi oltreoceano, al di là delle nuvole. Questa è la ricetta de La Differenza, gruppo di Vasto – in Abruzzo: quattro album all’attivo, ottimi risultati di classifica e una grande esperienza live.

Battezzati al Festival di Sanremo 2005, si aggiudicano il secondo posto nella categoria giovani con il brano Che Farò, vera e propria hit radiofonica. Nello stesso anno partecipano al Festivalbar con Percezione 90.

Ciò che più mi incuriosisce è la loro visione open-minded nei confronti di tradizioni musicali differenti da quelle nostrane e viaggi fuori dai nostri confini per trovare l’ispirazione per la loro musica. Ecco perché, tra il 2006 e il 2007, il gruppo incamera esperienze e collaborazioni in Spagna, Portogallo, Olanda, Belgio, Inghilterra, Thailandia, Cuba.

“Ad un certo punto ci siamo resi conto che eravamo alla ricerca di un cambiamento, di una svolta e abbiamo capito che trovarla in Italia era impossibile. Troppi condizionamenti! Avevamo il bisogno di ripartire per costruire una band migliore. In giro per il mondo abbiamo suonato dove capitava, nei club, alle feste universitarie, ai festival italiani, sulle isole e persino per strada. Sentivamo il bisogno di riscoprire il contatto con le cose vere, con le sensazioni forti, del viaggio in furgone, dell’asfalto, dell’essere ‘on the road’ senza una destinazione precisa, del pubblico che ti applaude senza conoscerti, senza capire la tua lingua, sorridendoti! Siamo entrati in contatto con artisti di quei luoghi, specialmente in Thailandia, dove ci siamo esibiti più volte anche in locali di periferia tra musicisti del posto, malesi, inglesi, irlandesi e americani“.

Nel 2007 arriva l’album Un Posto Tranquillo e poco dopo il brano Bandiere Preziosecover mash-up di Bandiera Bianca di Franco Battiato e Precious dei Depeche Mode seguito dal terzo album della band intitolato semplicemente 3, uscito nel 2009.

Il 2011 è l’anno di Oltre Le Nuvole, un EP di 6 brani tra cui la bellissima Ogni Volta di cui potete assaporarne musica e colori grazie al video che trovate a fine articolo.

Ma prima di questo, ecco la mia intervista alla band. The Music Portrait ha indagato su sensazioni, colori e percezioni in una chiacchierata con Davide, batterista de La Differenza. Enjoy!

facebook.com/ladifferenza

Oltre che emozioni e sensazioni, a qualcuno di voi è mai capitato di associare dei precisi colori alle canzoni che ascoltate?

In merito a questa domanda mi torna in mente un episodio riguardante un nostro live in cui abbiamo suonato, davanti ad un pubblico, effettuando una sorta di esperimento psicosensoriale, associando ad alcuni nostri brani delle percezioni partendo dai sapori, dalle vibrazioni provocate dalla musica per arrivare infine ai colori: è stata davvero una bellissima esperienza!

Personalmente parlando, spesso mi capita di associare colori alle canzoni che ascolto ma di volta in volta cambiano a seconda dell’umore, del genere e, perchè no, anche da cosa c’è intorno a me.

Come nasce una vostra canzone? Da cosa vi lasciate ispirare? Quali sono i fattori che determinano la vostra soddisfazione in merito?

Le nostre canzoni nascono ogni volta in maniera diversa: a volte basta una sensazione, un’ immagine forte, uno sguardo, a volte un tramonto, oppure una reazione a momenti di vita reali. E così si creano dentro la nostra mente meccanismi che si trasformano in musica e parole diventando, ogni volta, l’ultima ”de La Differenza”.

Quale quadro o immagine potrebbe essere la perfetta sintesi del gruppo?

Restando in tema di colori, l’immagine della copertina di The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd sarebbe perfetta in tutti i sensi!

La gente spesso sente e basta, ma quando decide di ascoltare è perché probabilmente ritrova la sua storia racchiusa nei quattro, preziosi minuti di una canzone. Quale canzone, vostra o non vostra, rappresenta al meglio la storia e l’essenza de La Differenza?

Di canzoni nostre che ci rappresentano ce ne sono parecchie ed ognuna ha una sua storia più o meno importante dietro. Essendo 5 teste differenti ti risponderemmo forse 5 cose diverse, ma saremmo sicuramente tutti d’accordo sul fatto che attualmente il nostro ultimo EP Oltre le Nuvole rappresenta  l’essenza più rappresentativa de La Differenza. 

Se doveste disegnare o dipingere la musica, quale sarebbe il suo ritratto?

Per noi la musica come concetto, al di là della canzone, è qualcosa a cui non si può dare una forma ben precisa, sta poi a chi la ascolta interpretarla e in questo caso darle una propria immagine. 

Un dipinto astratto, magari senza alcun senso apparente, penso che potrebbe personificare a pieno questo concetto proprio perchè ognuno si trova poi a tirar giù le proprie conclusioni.

..E a me non resta altro che ringraziare Davide e La Differenza per l’interessante chiacchierata e ricordarvi le date estive che li vedranno in giro per l’Italia:

17 Luglio ROMA @ Parco del Celio

25 Luglio ROMA @ Piazza Expa, Lungo Tevere

3 Agosto PERUGIA @ Arena Santa Giuliana

28 Agosto CAGLIARI @ La Fiera

Ascolta l'anteprima dei brani di Oltre le Nuvole su iTunes!

E tu che ne pensi? Lascia un commento!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...