Blue Ivy: il mistero del nome e un featuring con papà

Photo by Jeff Kravitz / Film Magic

Solo tre giorni di vita ed è già una star.

La piccola della famiglia Carter-Knowles, Blue Ivy (e non Ivy Blue come lasciavano credere le primissime news a riguardo), suscita grande curiosità e interesse poiché frutto di una delle coppie più famose e sfavillanti del music biz mondiale.

Ma perché un nome tanto particolare?
In tanti se lo chiedono e in tanti provano a dare delle possibili spiegazioni.

Ipotesi #1: la prima è quella che fa riferimento a “Blueprint“, titolo di tre album di Jay-Z. Si è tanto parlato di un quarto nonché prossimo “Blueprint” e questo andrebbe a spiegare l’aggiunta di “Ivy” che, in numeri romani, ricorda molto il n° IV.

Ipotesi #2: il numero 4 è anche il numero preferito da Beyoncé. Lei stessa ha spiegato più volte che si tratta del suo numero portafortuna: rappresenta il suo giorno di nascita e quello di sua madre e, last but not least, è anche il titolo del suo ultimo album.

Ipotesi #3: i più maligni sostengono sia un riferimento al gruppo degli Illuminati, conosciuti anche sotto il nome di Nuovo Ordine Mondiale, coloro che, a nostra insaputa, guidano il mondo che ci circonda, di cui Jay-Z e Beyoncé sarebbero adepti. “Ivy” costituirebbe in questo caso l’acronimo per “Illuminati’s Very Youngest“.

Ipotesi #4: che i due abbiano già voluto pensare ad uno stage name bello, pronto e musicale in vista di un (possibilissimo) futuro nel mondo della musica?

Qualunque sia la ragione dietro uno dei tanti nomi particolari dati dai VIP ai propri figli, rimane il fatto che lo scorso 7 gennaio, data di nascita della bimba, un’agenzia di eventi di Boston – tale Blue Ivy Events, è stata letteralmente presa d’assalto da auguri e congratulazioni a non finire, tanto che (mica scemi) si sono detti disponibili a collaborare e a far diventare testimonial la piccola della coppia.

Ma ciò che lascia ancora più basiti è che papà Jay, a così poco tempo di distanza dal lieto evento, sia già riuscito a comporre una canzone a riguardo, intitolata “Glory“, in cui prende forma il più giovane featuring di tutti i tempi (prendendo forse spunto da Stevie Wonder in “Isn’t She Lovely” con la sua Aisha?). Alla fine della track si sentono infatti i gemiti di un neonato che vengono attribuiti alla piccola (ma già grande) Blue Ivy. Che si stia correndo un po’ troppo?

Baby I’ll paint the sky blue / My greatest creation was you” (Jay-Z)

  1. Pingback: Beyoncé al Super Bowl: la reunion con le Destiny’s Child e il suo prossimo tour mondiale [VIDEO] | The Music Portrait

  2. Pingback: Beyoncé: al via il Mrs. Carter World Tour da Belgrado [FOTO, VIDEO e SCALETTA] | The Music Portrait

  3. One of the very lucrative businesses women can be into may be the
    creation of accessories. Just because a link
    is on Piratebay does not always mean that the users are
    installing, and therefore, the flawed data. We’ll
    start our tour at Marina Grande for the north shore from the island, about one third with the way
    in from the easternmost point.

    Mi piace

E tu che ne pensi? Lascia un commento!

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...